Le glorie di Govardhana

Sri Giriraja Govardhana-

19 Agosto 1996, Mathura

Srila Gurudeva: Abbiamo ascoltato dalla seconda divisione del Sri Sri Brhad Bhagavatamrta scritto da Sanatana Gosvami.

hantayam adrir abala hari-dasa-varyo

yad rama-krishna-carana-sparasa-pramodah

manam tanoti saha-go-ganayos tayor yat

paniya-suyavasa-kandara-kandamulaih

-Srimad Bhagavatam 10.21.18

[Tra tutti i devoti, questa collina Govardhana è il
migliore! O amici miei, la collina fornisce a Krishna e Balarama, insieme con i
loro vitelli, le mucche e gli amici pastorelli, tutti i tipi di necessità come l’acqua
per bere, l'erba molto morbida, grotte, frutta, fiori e ortaggi. In questo modo
la collina offre tutto al Signore. Toccata dai piedi di loto di Krishna e
Balarama, la collina Govardhana appare estremamente felice.]

hantayam adrir abala hari-dasa-varyo

Assorto nei sentimenti delle gopi, il nostro Pariksit Maharaja sta descrivendo a sua madre l’essenza del Bhagavatam. Allo stesso modo, assorto nei sentimenti delle gopi, Sukadeva Gosvami aveva parlato a Pariksit Maharaja. Con gli occhi di bhava (emozioni interiori), le gopi vedono Krishna andare al pascolo. E descrivono la bellezza di Vrindavana. I piedi di loto di Krishna sono morbidi, profumati, ed estremamente affascinanti. Vedendo Krishna, le gopi si immersero completamente nei sentimenti di bhava. Allo stesso modo, Pariksit Maharaja medita profondamente su questi sentimenti delle gopi e disse: "hantayam adrir abala hari-dasa-varyo."

Radhika ha detto: "Noi non siamo fortunate come Giriraja-Govardhana. Egli è il migliore dei servitori di Hari. Egli serve Krishna in molti modi! "

Il senso di queste parole è: "Oh Sakhi! Non possiamo fare nulla."

Chi sono le gopi? Sono Krishna stesso; sono le manifestazioni della Sua potenza. Pertanto, le gopi sono kayavyuha (espansioni corporee) di Radhika. Non possono fare nulla senza la sakti di Radhika. Persino Krishna non può fare nulla senza di Lei. Ma, Radhika e le gopi davanti a Govardhana si considerano inutili.

Giriraja-Govardhana è il più elevato tra i servitori di Hari perché tocca i piedi di loto di Baladeva Prabhu e Krishna. Egli offre molti

servizi a Krishna. Gli lava i piedi e li appoggia in testa. Egli rende molti servizi per i piedi di Krishna. Giriraja-Govardhana fornisce acqua limpida, erba soffice, e vari tipi di frutti e radici. Così, egli serve non solo Krishna; lui serve anche gli amici di Krishna, le mucche e i vitellini. Un sevaka (servitore), non è molto elevato se serve solo Krishna. Il sevaka più avanzato è colui che serve Krishna e anche i Suoi devoti. Una persona non diventa un sevaka servendo solo il suo Guru. Egli diventa un sevaka servendo anche i cari servitori del suo Guru.

Ad esempio, Govinda Prabhu era il sevaka di Mahaprabhu. Ma apparteneva ad una casta inferiore. Eppure, se qualcuno giudica il vaisnava dal punto di vista della casta e delcredo, allora quella persona ha un’intelligenza degradata, e gli spianerà la strada per l’inferno. Non bisogna mai giudicare il vaisnava dalla casta o dal credo.

Qualcuno ha chiesto a Mahaprabhu: "Prabhuji, perché dai il permesso a Govinda di servirTi? Lui è uno sudra."

Mahaprabhu rispose: "Non lo so questo. So che il mio Guru (Sri Isvara Puripada) gli ha ordinato di aiutarMi. Il Guru è indipendente. Pertanto, l’ordine del Guru non è vincolato da alcuna ingiunzione dei Veda o delle smrti. Il Guru è totalmente indipendente. Il mio servizio è quello di seguire i suoi ordini e istruzioni. Pertanto, Govinda Prabhu è il mio servitore."

Govinda Prabhu non sapeva né leggere né scrivere, ma era un ottimo cuoco. Lui cucinava e offriva il prasada a Mahaprabhu. Poteva servirei piedi di Mahaprabhu e svolgere molti altri servizi. Era come l’ombra di Mahaprabhu. Quando arrivava Svarupa Damodara, chiedeva a Govinda Prabhu: "Dov’ è Mahaprabhu? Posso andare ad incontrarlo? "Anche un associato di Mahaprabhu come Sri Svarupa Damodara Gosvami doveva chiedere il permesso di Govinda Prabhu.

Così, Svarupa Damodara, Raya Ramananda Prabhu, Sikhi Mahiti, e sua sorella Madhavi Devi (gli associati più intimi) dovevano chiedere il permesso a Govinda Prabhu quando andavano a visitare Mahaprabhu. Anche Prataparudra Maharaja e il suo sacerdote, Kasisvara Misra chiedevano il permesso di Govinda Prabhu prima di vedere Mahaprabhu. Nessuno degli associati di Mahaprabhu poteva andare a vederlo senza il permesso di Govinda Prabhu. Basta vedere come è glorioso servizio di Govinda Prabhu è! Se qualcuno serve Govinda Prabhu, allora potrà servire anche Mahaprabhu.

Pertanto, cosa succede a chi trascura Govinda Prabhu? Quella persona non sarà in grado di soddisfare Mahaprabhu. Quindi, insieme al servizio per il Guru, bisogna anche servire i suoi cari servitori e collaboratori. Altrimenti non sarà possibile ottenere la sua misericordia. Per servire il Guru, si devono onorare i suoi servitori. Ma invece voi li trascurate. Allora il Guru non sarà felice e anche Bhagavan non sarà felice.

Così, Giriraraja-Govardhana serve Krishna e anche i Suoi amici, le mucche e pure i vitellini. Egli serve tutti. Pertanto, Girirajaji è la più esaltata tra tutti i servitori. Nel suo commento, Sanatana dice che le gopi mentre glorificavano Vrndavana si immersero nei sentimenti di bhava. Le gopi possiedono il più alto grado di amore per Giriraja-Govardhana. Le glorie di Girirajaji spiccano tra tutti i luoghi di Vraja perché lì vi sono il Radha Kunda e Syama Kunda.

vaikunthaj janito vara madhu-puri tatrapi rasotsavad

vṛndaranyam udara-pani-ramanat tatrapi govardhanah

radha-kundam ihapi gokula-pateh premamrtaplavanat

kuryad asya virajato giri-tate sevam viveki na kah

-Sri Upadesamrta 9

[Il luogo santo conosciuto come Mathura è spiritualmente
superiore a Vaikuntha, il mondo trascendentale, perché il Signore è apparso lì.
Superiore a Mathura-Puri è la foresta trascendentale chiamata Vrindavana dove
c’è la rasa-lila di Krishna. E superiore alla foresta di Vrindavana è la
collina Govardhana, perché è stata sollevata dalla mano divina di Sri Krishna e
fu il luogo dei Suoi vari passatempi amorosi. E, soprattutto, il supremo tra i
luoghi sacri è il Sri Radha-kunda, perché è inondato dall’ambrosia del prema
nettareo del Signore di Gokula, Sri Krishna. Dov'è, dunque, quella persona
intelligente che è disposta a servire il divino Radha-kunda, che si trova ai
piedi della collina Govardhana?]

Rupa Gosvami disse: "Vrindavana è la dimora dei passatempi amorosi. Allora che dire di Govardhana? Come posso descrivere glorie di Govardhana? Nandagaon, Varsana, e molti altri luoghi sono a Vrindavana. Vrindavana è rasamaya-sthala (un luogo composto da dolcezze trascendentali) in cui Krishna manifesta il passatempo della danza con le gopi, la rasa-lila. Vrindavana è la dimora di molti dei divertimenti di Krishna. Ma, gli occhi di Govardhana sono il Radha Kunda e Syama Kunda. Le glorie del Radha Kunda e Syama Kunda sono senza pari. Anche un luogo come Vrindavana non può essere paragonato alla più piccola particella del Sri Radha Kunda o Syama Kunda. Così, il Radha Kunda e Syama Kunda sono i luoghi più esaltati e sono presenti a Govardhana. Pensando costantemente a Krishna, le gopi si avvicinarono a Girirajaji. Quando Krishna andava al pascolo, sale su Govardhana e suona il suo Vamsi.

Quando Krishna suona il Vamsi, i pavoni danzavano estaticamente. Vedendo questo spettacolo, i cervi, cerbiatte, uccelli, e tutti gli animali si immergevano in prema. Completamente inconsapevoli dei loro corpi, ammiravano la bellezza di Krishna e la danza dei pavoni. Bevevano il nettare del flauto di Krishna tramite le loro orecchie dimenticando completamente se stessi. Anche se i loro occhi erano aperti, erano così assorti in bhava che erano incuranti della presenza dei loro corpi.

In questo modo, osservando questo spettacolo del flauto di Krishna e della danza dei pavoni, le gopi pensavano: "Oh Giriraja è così fortunato! Oggi, Krishna sta suonando il suo Vamsi su di Lui e anche i pavoni danzano su di lui. Krishna mette sempre i suoi piedi morbidi di loto su Giriraja."

Come mai i piedi di loto di Krishna sono morbidi? Srila Sanatana lo spiega dando un esempio:

Pranata-dehinam papa-karsanam

trna-caranugam sri-niketanam

phani-phanarpitam te padambujam

krnu kucesu nah krndhi hrc-chayam

-Srimad Bhagavatam 10.31.7

[i Tuoi piedi di loto rimuovono tutti i peccati degli esseri
che si sottomettono a loro, e inseguono le mucche ei vitellini che pascolano
nei prati. Quei piedi di loto sono la dimora di Laksmi-devi, la dea della
ricchezza e della bellezza, e tu li hai appoggiati anche sulle teste del serpente
(Kaliya). Ti preghiamo di appoggiare quei piedi di loto sul nostro petto, e sconfiggere
le nostre sofferenze che sono sorte dal desiderio dei nostri cuori.]

Pranata-dehinam papa-karsanam

Meditando sui piedi di loto di Krishna, tutti i peccati di una persona vengono annientati. Allora che dire di una persona che è toccata dai piedi di Krishna o che mette i Suoi piedi di loto in testa? Le glorie di questa persona non possono essere descritte. Così:

Pranata-dehinam papa-karsanam

Se qualcuno si arrende a piedi di loto di Krishna e dice: "Hey Prabhu! Desidero rifugiarmi nei Tuoi piedi di loto", allora tutti i peccati di quella persona scompariranno.

trna-caranugam

Le gopi dissero: "Le mucche che pascolano sull’erba sono sciocche e ignoranti. Non hanno alcuna conoscenza. Eppure, tu le segui sempre. Le segui ovunque vadano.

trna-caranugam sri-niketanam

Sri significa bellezza. I piedi sono la dimora della bellezza. Laksmi appoggia i tuoi piedi sulle ginocchia e li serve sempre." Perché Laksmi serve piedi di loto di Krishna? L’ho spiegato molte volte. Lei pensa, "Possa Krishna non lasciarmi mai andare altrove." Quindi, lei è sempre al servizio piedi di loto di Krishna.

phani-phanarpitam te padambujam

Phani si riferisce alle teste del serpente Kaliya. Krishna danzava sulle mille teste di Kaliya. Kaliya sputava continuamente veleno e fuoco dalle sue teste.

Pertanto, le gopi dissero: "Se è stato possibile appoggiare i tuoi piedi sulle teste di Kaliya, allora perché non puoi mettere i piedi sui nostri seni? Sarai forse macchiato dal peccato in questo modo?"

Pranata-kama-diga padma-jarcitam

dharani-mandanam dhyeyam-apadi

carana-panka-jam santamam ca te

ramana nah stanesv arpayadhi-han

-Srimad Bhagavatam 10.31.13

[O più caro amato, o distruttore di ogni dolore, i Tuoi
piedi di loto, che soddisfano tutti i desideri dei devoti arresi, sono adorati
da Brahma, nato dal loto, e sono l'ornamento che impreziosisce la terra. Quando
sono l’oggetto di meditazione rimuovono tutte le calamità, e quando accettano
il servizio, essi conferiscono la suprema beatitudine. Ti preghiamo di appoggiare
i tuoi piedi di loto sui nostri seni.]

Le gopi hanno descritto i piedi di loto di Krishna in modo molto poetico. Nessuno si arrende al volto di loto di Krishna. C’è qualcuno che lo fa? Tutti si arrendono a piedi di loto di Krishna. Fatta eccezione per i piedi di Sri Guru, le altre sue parti del corpo non sono descritte.

Nessuno dice: "Ehi Gurudeva! Offro i miei omaggi al tuo viso."

Noi non ci arrendiamo al volto di loto Gurudeva. Piuttosto, ci arrendiamo ai suoi piedi di loto. Pertanto, i piedi di loto hanno una specialità.

Così, le gopi dissero: "i piedi di loto di Krishna sono i più degni di adorazione. Abbiamo il desiderio di avere quei piedi appoggiato sul nostro seno. Non possiamo rompere i legami di castità, la timidezza, la pazienza, la paura, e la condotta sociale. Oggi, anche senza aver ricevuto alcuna preghiera da Girirajaji -Krishna sta mettendo Suoi piedi di loto su di lui. Noi offriamo molte preghiere; tuttavia, non possiamo soddisfare Krishna. Non possiamo avvicinarlo davanti a tutti. Non possiamo adorare i Suoi piedi di loto, possiamo solo osservare la fortuna di Giriraja Govardhana."

Krishna trascorre l’intera giornata con le mucche che pascolano nei prati di Girirajaji. Krishna segna anche Girirajaji con le impronte dei Suoi piedi di loto. E come serve Girirajaji? L’erba sulla sua superficie

diventa molto soffice al tocco di piedi di loto di Krishna. Quando Krishna appoggia i Suoi piedi di loto sul prato, l’erba non punge. Le pietre di Girirajaji sono molto profumate. Sono come il cuscino su una sedia. Le sila emanano un profumo inebriante in tutte le direzioni.

kasturikabhih sayitam kim atrety

uham prabhoh svasya muhur vitanvan

naisargika-sviya-sila-sugandhair

govardhano me disatam abhistam

-Sri Govardhanastakam (5) [Srila Visvanatha Cakravarti
Thakura]

["Sri Krishna dorme su un letto di muschio qui a
govardhana. Il dolce profumo naturale delle Sila di Govardhana provoca nel
devoto una meditazione ininterrotta. Possa Govardhana esaudire il mio
desiderio."]

yatraiva gangam anu navi radham

arohya madhye tu nimagna-naukah

krsno hi radhanugalo babhau sa

govardhano me disatam abhistam

-Sri Govardhanastakam (7)

[Al-Manasi ganga, Sri Radha salì a bordo del battello [guidato
da Krishna travestito da battelliere]. Quando la barca ha raggiunto la metà [del lago], ha cominciato ad affondare. Lei si aggrappò al collo di Krishna, e questa visione era molto bella. Possa che Govardhana esaudire il mio desiderio.]

"Ehi Girirajaji! Ti prego di soddisfare i desideri più profondi del mio cuore."

govardhano me disatam abhistam.

Chi pronuncia queste parole? E’ Srila Visvanatha Chakravarti Thakura. Srila Raghunatha das Gosvami e Rupa Gosvami hanno gli stessi sentimenti. Questo è il desiderio del loro cuore. Pregano che i loro desideri vengano soddisfatti.

yatraiva gangam anu navi radham

Krishna è diventato un battelliere e stava traghettando le gopi attraverso il Manasi-ganga. Quando la barca ha raggiunto la metà del Manasi-ganga, l’acqua ha iniziato a penetrare all’interno della barca perché era vecchia e fatiscente. Krishna ha detto alle gopi, "La mia barca non può sopportare il peso di tutti".

Così, Krishna ha fatto in modo di spaventare le gopi e quando Girirajaji vide questo spettacolo, si manifestarono in lui gli otto sintomi di estasi. Dovete sarpere che Manasi-ganga è la manifestazione delle sue lacrime. La morbida, erba profumata indica i capelli ritti. Che Govardhanaji possa essere misericordioso e soddisfare i nostri desideri.

pramada-madana-lilah kandare kandare te

racayati nava-yunor dvandvam asminn amandam

iti kila kalanartham lagnakas tad-dvayor me

nija-nikata-nivasam dehi govardhana tvam

-Sri Govardhana-vasa-Prarthana-dasakam (2) [Di Srila
Raghunatha das Gosvami]

[La giovane coppia divina si impegna in piacevoli passatempi
amorosi all'interno di ognuna delle grotte di Govardhana. Così, dal momento che
sei il testimone dei loro divertimenti, O Govardhana, per favore dammi
residenza al tuo fianco.]

hantayam adrir abala hari-dasa-varyo

La parola, ‘Hanta’ ha due significati. La parola Hanta è usata per indicare qualcosa di estremamente meraviglioso. E’ usata anche per indicare felicità estatica. E’ usato anche per indicare i sintomi estatici come sveda (traspirazione) e duryo (esuberanza); ma il suo uso in questo senso è inferiore. Le gopi divennero così entusiaste delle glorie di Giriraja Govardhana- che dimenticarono le loro stesse glorie. Govardhana diventa pura dal tocco della polvere dei piedi delle gopi. Vi è inoltre questo sloka:

purnah pulindya urugaya-padabja-raga

sri-kunkumena dayita-stana-manditena

tad-darsana-smara-rujas trna-rusitena

limpantya anana-kucesu jahus tad-adhim

-Srimad Bhagavatam 10.21.17

[«Un'altra Vraja gopi disse: O sakhi le giovani donne
aborigene (Pulindi) sono veramente benedette e fortunate, perché possiedono un attaccamento
straordinario (anuraga) per Sri Krishna. Quando vedono il nostro caro Krishna, nasce
nei loro cuori un intenso desiderio di incontrarsi con Lui. I loro cuori sono

colpiti dalla malattia dell’amore. In questo modo si colorano il petto con la
polvere rossastra kunkuma raccolta dall'erba di Vrindavana. Le amate gopi di
Krsna avevano adornato i loro seni con questa kunkuma in polvere che tinge i
piedi di loto di Sri Krishna. Quando Syamasundara vaga per Vrindavana, l'erba
si copre di questa polvere. Le ragazze Pulindi estremamente fortunate si
colorano il petto e il viso con questa polvere, e in questo modo allevano
l'angoscia del loro amore."]

Giriraja Govardhana appoggia i piedi di Krishna sulla sua testa e quei piedi sono tinti con la kunkuma delle gopi. Ma, le gopi dimenticano che questa kunkuma viene dai loro piedi. Così, quando le glorie di

Giriraja Govardhana si manifesto nel loro cuore, le gopi dicono:

hantayam adrir abala hari-dasa-varyo

Hant-ayam; cosa significa ayam? Ayam indica una persona che indica

col dito un oggetto vicino. Così, le gopi stanno vedendo Giriraja Govardhana mentre sono nelle loro case. Le gopi stanno vedendo Giriraja Govardhana-anche se sono sedute nelle loro case.

hantayam adrir

Le gopi dissero: "Giriraja non è solo una collina; egli è il Sakha (amico) di Krishna."

Giriraja non è solo il sakha di Krishna; Giriraja è una sakhi di Krishna. Come? Si dice che Giriraja si manifesti dal cuore di Radhika. Altrimenti Giriraja non avrebbe potuto essere la dimora di vari passatempi e non avrebbe mai avuto il darsana dei passatempi di Krishna con le gopi nelle grotte se in lui

il purusa-bhava fosse prominente (sentimento maschile). Anche Narayana non può avere darsan di questi passatempi. Anche se Baladeva Prabhu è Krishna stesso; tuttavia, non può vedere questi passatempi. Eppure, Girirajaji ha il darsan di tutti i passatempi. Egli è il testimone di tutti questi passatempi. Raghunath das Gosvami ha anche affermato:

rasa-nidhi-nava-yunoh saksinim dana-Keler

dyuti-Parimala-viddham prakasya Syama-Vedim

rasika-vara-kulanam modam asphalayan me

nija-nikata-nivasam dehi govardhana tvam

-Sri Govardhana-vasa-Prarthana-dasakam (4)

[Tu sei il testimone dei dana-keli-lila (passatempi giocosi)
della coppia divina, che sono il tesoro del rasa, e manifesti una fragrante,
brillante, piattaforma nera sollevata [al fine di facilitare tali dolci lila]. Così aumenti la gioia dei devoti Rasika. O Govardhana, per favore concedimi la residenza al tuo fianco.]

Manifesta una piattaforma nera (Syama-Vedim prakasya), Girirajaji facilita vari passatempi di Krishna. Indicando Girirajaji, le gopi dissero: "Oh sakhi, siamo impotenti. Come mai? Contemplando la bellezza di Krishna e ascoltandolo suonare il flauto, tutti i pavoni danzano davanti a Krishna. Essi lo considerano come una nuvola nera. Considerano il suo modo di suonare come il rombo del tuono. "

Sebbene Krishna suoni il flauto fino alla quinta nota, a volte suona anche il flauto fino alla settima nota. Ma, quando Krsna suona sul flauto la prima nota, il suono ricorda il rombo delle nuvole. Ogni nota del musicista, "do-re-mi-fa-sol-la-si-do", è gradualmente più alta delle precedenti. La prima nota, Do, assomiglia al rombo del tuono. Krishna suona il flauto fino alla quinta nota. E Krsna può anche suonare fino alla settima nota. Il rombo delle nuvole è un suono molto profondo. Questo suono è paragonato alla nota, ‘do’.

Quando i pavoni vedono forma di Krishna, gli ricorda le nuvole scure. E quando sentono Krishna suonare il flauto e produrre la prima nota ‘Do’, pongono l’attenzione al rombo delle nuvole. Così, cominciano a ballare estaticamente. Quando lasciano cadere una piuma, Krishna la mette subito di fronte al suo turbante.

Krishna sembra dire ai pavoni, "Mi piace il vostro regalo. Sono grato a tutti voi."

I pavoni diventano ancora più felici e pensano "Krishna ha messo il nostro ornamento sul capo!"

Assorti in prema, danzano al suono del flauto. Vedendo la bellezza di Krishna e la danza dei pavoni, tutti gli uccelli e gli animali diventano immobili.

Le gopi poi dicono: «Questi uccelli e gli animali possono andare a Giriraja Govardhana- a vedere Krishna e i pavoni che danzano. I cervi, cuculi, pappagalli, e tutti gli altri uccelli e animali possono andare a vedere questo spettacolo. Eppure, solo noi siamo così sfortunate perché non possiamo andare."

"Come possiamo andare? Noi siamo impotenti. Non possiamo trasgredire la condotta sociale. Pertanto, non possiamo andare. Maryada (i principi e le regole del comportamento corretto) sono come una montagna. Non possiamo superare questa montagna. Non possiamo disobbedire alle istruzioni dei nostri anziani. Abhimanyu (il marito di Radhika) è vicino. Egli è l’incarnazione dell’orgoglio (Abhimana). Jatila (la madre di Abhimanyu) è l’incarnazione dei vari ostacoli. Lei cercherà difetti anche in un tempio fatto di gioielli, ovvero lei è sempre alla ricerca di errori negli altri. E, Baladeva Prabhu e i sakha sono sempre vicino a Krishna. Quindi, come possiamo incontrarlo? Pertanto, siamo impotenti e non possiamo andare vicino a Krishna.

Ma, sebbene Govardhana sia una montagna, è il migliore dei servitori di Hari (hari-dasa-varyo) che è sempre immerso nel prema-rasa."

Il primo Haridas (servitore di Hari) è Maharaja Yudhisthira. Krishna stesso lavò i piedi ai demoni come Duryodhana, Jarasandha, e Sisupala e li mandò all’assemblea di Maharaja Yudhisthira. Devaki-suta Krishna è Parabrahma; Egli è il Signore Supremo che incarna le sei opulenze (sad-aisvarya-purna). Ma perché ha lavato i piedi di tutti? Vincolato dal prema di Yudhisthira Maharaja, Arjuna, Draupadi, Kunti, e il resto dei Pandava, Krishna ha lavato i piedi di tutti, solo per loro. Così, Krishna ha eseguito questo umile servizio. Prema può far accadere questo. A causa di prema (amore), un padre prenderà suo figlio tra le braccia e gli massaggerà i piedi. Potrà anche portare il figlio sulle spalle, come un cavallo. Una madre servirà il suo bambino allo stesso modo. Questo legame è fatto solo da prema.

Allo stesso modo, Girirajaji serve Krishna con il prema-rasa.

Yad Rama-Krishna-carana-sparasa-pramodah

hari-Harati-Papani; Hari è colui che toglie i peccati di tutti. Pertanto, il suo nome è Hari.

hari-Harati-Radhika-manah; Hari ruba anche la mente di Radhika. Pertanto, Egli è chiamato Hari. Tutte le qualità di Krishna sono distribuite ai Suoi devoti. Le qualità che si trovano in Krishna come dolcezza, bellezza, e la magnanimità si trovano anche nei Suoi devoti. Pertanto, le qualità dei devoti sono stati enumerate e dichiarate nel Bhagavatam. Prabhupada Bhaktisiddhanta Sarasvati Thakura ha anche affermato ciò nella prefazione al Jaiva-dharma. Chi è Bhaktivinoda Thakura? È Kamala Manjari. Il suo pranama-mantra è:

namo bhaktivinodaya sac-cid-ananda-namine

gaura-sakti-svarupaya rupanuga-varaya te

[Offro pranama a te, Srila Saccidananda Bhaktivinoda
Thakura, il più importante dei rupanuga e la manifestazione personale della potenza
di Sri Gauranga (Gadadhara Pandita).]

Pertanto, si dice che Bhaktivinoda Thakura ha tutte le qualità che possiede Sri Hari. Le qualità di un devoto sono:

krpalu, akrta-droha, satya-sara, sama

nidosa, vadanya, mrdu, suci, akincana

sarvopakaraka, santa, krsnaika-sarana

akama, aniha, sthira, vijita-sad-guna

mita-bhuk, apramatta, manada, amani

gambhira, karuna, maitra, kavi, daksa, mauni

-Sri Caitanya-caritamrita Madhya 22,78-80

[I devoti sono sempre misericordiosi, umili, veritieri, equanimi
verso tutti, impeccabili, magnanimi, miti e puliti. Sono senza beni materiali,
e le loro azioni sono di beneficio per tutti. Sono tranquilli, arresi a Krishna
e privi di desideri. Essi sono indifferenti alle acquisizioni materiali e sono
fissi nel servizio di devozione. Essi controllano completamente le sei cattive
qualità- lussuria, ira, avidità e così via. Mangiano solo quanto richiesto, e
non sono mai alterati. Sono rispettosi, seri, compassionevoli e senza falso
prestigio. Sono gentili, poetici, esperti e silenziosi.]

Tutte queste qualità sono presenti in Bhaktivinoda Thakura. Queste qualità sono le qualità di Bhagavan. Uddhavaji è più elevato di Maharaja Yudhisthira. Come? Krishna non può dare alcun ordine a Yudhisthira Maharaja; Lui non può parlare con lui di prema. Eppure, Krishna manifesta tutti i suoi passatempi su Govardhana senza alcuna timidezza.

Krishna non dirà a Yudhisthira Maharaja, "Mi devi lavare i piedi."

Krishna considera Yudhisthira Maharaja come Suo fratello maggiore. Egli non potrà mai parlare così; Krishna lo rispetta così tanto. Krishna si siede con Arjuna e appoggia anche le mani sulle spalle. Egli parla ad Arjuna con tanto prema. Yudhisthira Maharaja è il fratello maggiore di Arjuna. Pertanto, Krishna gli dà tanto rispetto. Krishna considera Yudhisthira Maharaja come Suo fratello maggiore Baladeva Prabhu. Krishna non ride o non è spensierato davanti a Yudhisthira Maharaja.

Yudhisthira Maharaja ha tre stati d’animo. Il primo sentiemento è vatsalya-bhava. Egli è come un genitore per Krishna. Ha anche dell’amicizia verso Krishna. Ma il dasya-bhava (lo stato d’animo di un servitore) è prominente in lui. Esistono Questi tre stati d’animo in Yudhistira. E, Uddhavaji è più elevato di Yudhisthira Maharaja. Krishna ha inviato Uddhava dalle gopi; ma Yudhisthira Maharaja non andrà dalle gopi. Krishna, inoltre, non invierà Arjuna per soddisfare le gopi. Yudhisthira Maharaja e la relazione di Arjuna con Krishna si limita solo nei confini di Dvaraka. Dopo che i passatempi di Krishna a Vrndavana scomparvero, i cinque Pandava e Draupadi divennero alberi sulle rive del Syama Kunda che svolgono molte austerità per raggiungere l’ingresso nei Vraja-lila.

Krishna ha inviato Uddhava per soddisfare le gopi. Egli ha incontrato le gopi e ha avuto il darsana dei loro sentimenti d’amore trascendentale. E’ stato anche fortunato a poter conversare con le gopi. Perciò è detto:

vrsninam pravaro mantri

krsnasya dayitah sakha

sisyo brhaspateh saksad

uddhavo buddhi-sattamah

-Srimad Bhagavatam 10.46.1

["Il supremamente intelligente Uddhava era il miglior
consigliere della dinastia Vrisni, un caro amico di Sri Krishna e un discepolo
diretto di Brhaspati."]

Pertanto, Uddhava è più elevato di Yudhisthira Maharaja. Ma, Giriraja Govardhana- è più elevato di Uddhava. Come? I passatempi tra Krishna e le gopi non si manifesteranno in presenza di Uddhava. Non è possibile, anche se Krishna e Uddhava sono amici intimi. Quando Krishna è seduto sul letto nel palazzo di Rukmini, Uddhava può andare e offrire pranama a Krishna. Ma, Uddhava non può mai andare dove Krishna è presente con Radhika e le gopi. Non è così fortunato.

Ma, basta vedere quanto è fortunata Giriraja. Sri Radha e Krsna sono seduti insieme in una delle grotte di Giriraja. Le gopi decorano Radha e Krishna in vari modi. E, Govardhana sta avendo darsan di tutti questi passatempi.

Pertanto, le gopi dissero: "Oh! Tutte le qualità di Krishna sono presenti in Govardhana. "

Se una persona è un devoto esclusivo di Krishna, tutte le qualità di Krishna sicuramente entreranno nel suo cuore. Il devoto avrà dei difetti se le qualità di Krishna non sono ancora entrate suo cuore. Egli non è diventato ancora un puro devoto.

Pertanto, le gopi dissero: "Noi non abbiamo queste qualità ma Giriraja

Govardhana ha tutte le qualità di Krishna."

Yad Rama-Krishna-carana-sparasa-pramodah

Giriraja diventa giubilante essendo toccato dai piedi di loto di Baladeva Prabhu e Krishna. L’asta-sattvika-bhava (le otto trasformazioni di estasi) si manifestano sul suo corpo. Le lacrime scorrono dai suoi occhi, ei suoi capelli si rizzano. Tutte queste trasformazioni di estasi si manifestano su Girirajaji. Quando le gopi dissero: "Yad Rama Krishna-carana-sparasa-pramodah," hanno nascosto i loro veri sentimenti (bhava). Stanno parlando solo di Krishna; ma hanno anche menzionato il nome di Rama. Chi è Rama?

ramayeti ramaniyaha caran

Qui Rama significa ramaniyaha. Rama Krishna indica colui che gioisce dei passatempi nei cuori delle gopi. Rama significa Radha-Ramana Rama. Questo è il significato di Rama. Pertanto, Giriraja è diventato più giubilante servendo i piedi di loto di Rama Krishna che è sempre immerso nei giochi con i suoi associati.

manam tanoti saha-go-ganayos tayor yat

Manam tanoti ha molti significati. Manam significa sammanam tanoti. Manam può anche significare la rimozione di malumore di una persona (mana). Ma questo non è indicato qui. Manam significa rispettare. Giriraja Govardhana non solo rispetta Krishna; egli rispetta e onora tutti i suoi diversi associati, come i gopa, le gopi, le mucche e vitellini.

paniya-suyavasa-kandara-kandamulaih

Giriraja fornisce acqua ed erba fresca. Egli fornisce anche frutti e radici. Ha anche numerose grotte dove gli amici e le gopi di Krishna si impegnano in molti passatempi insieme a lui. In questo modo, Giriraja-Govardhana serve Krishna in tutti i modi.

Pertanto, le gopi dissero: "Che Giriraja Govardhana oggi ci conceda la sua misericordia. Che possiamo nascere come sila (pietre) di Girirajaji. E diventare estremamente fortunate ricevendo la possibilità di toccare i piedi di loto di Krishna. "

Ci fermiamo qui per oggi e continueremo domani a spiegare i commenti della nostra Guruvarga.

Gaura Premanande! Hari Haribol!

__._,_.___

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...