Colour News Nuovo messaggio ricevuto.

in riferimento a Vostro articolo apparso nel web in data 26-06-2016 di cui alleghiamo link :

http://periodicoitalia.blogspot.it/2012_06_01_archive.html

http://vivereverde.blogspot.it/2012/06/una-ciotola-con-acqua-fresca-fuori-dai.html?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed:+VivereVerde+(Vivere+Verde)

Siamo ad avvisarVi che abbiamo contattato da tempo sia l’ associazione E.N.P.A che l’ associazione
L.I.D.A.A e parlando con il Sig. Lorenzo Croce , responsabile della stessa , si sono rese conto
dei gravi problemi che si sono invece formati ultimamente posizionando ciotole atte all’ abbeveraggio
degli animali nei periodi caldi dell’ anno , appoggiando da subito la nostra iniziativa , il cui
contenuto è stato fonte di riflessione e " cambio di rotta " per molti Sindaci di Comuni italiani e
per molte altre più piccole associazioni.

Vi alleghiamo il link della nostra petizione ( già ben accolta presso la Comunità Europea e in
attesa di essere tradotta in tutte le lingue del paese , anche se molte le abbiamo già tradotte
per
nostro conto ) sicuri che leggendola Vi si aprirà un nuovo punto di vista

https://www.change.org/p/ausl-eliminare-le-pericolose-e-incustodite-ciotole-per-cani-posizionate-nei-periodi-caldi

La nostra azienda , Canichepassione® Italia supporta e produce l’ omonima soluzione ,
l’ "APERICANE® ", ad oggi l’ unica e in continua evoluzione , SENZA SCOPO DI LUCRO , speranzosa
di
effettuare un radicale cambiamento in tutti i centri abitati di tutto il pianeta dove il pericolo
"avvelenamenti " è oramai all’ ordine del giorno .
Non abbiamo inventato " l’ acqua calda " , nella sua semplicità è una SEMPLICE CIOTOLINA MONOUSO
NON RICONDUCIBILE AD USO UMANO "
Si usa e si getta . Ad oggi è in Pet ma abbiamo gia’ in cantiere di produrlo in materiale ecologico
da poter inserire nel compostaggio.
( sempre senza scopo di lucro )

Ci siamo anche visti purtroppo obbligati a registrare il brand tutelandoci per ogni forma di
evento
, anche benefico ( poichè purtroppo chi li crea illecitamente ad oggi lo fa esclusivamente a scopo
di lucro , fingendo spesso una falsa beneficenza e senza supportare nè il progetto nè la soluzione
)

https://www.facebook.com/APERICANE%20/?fref=ts

Ecco perchè Vi scriviamo , per portarVi a conoscenza del tutto aggiornato ad oggi , richiedendoVi
magari di eliminare
l’ articolo , a nostro avviso , molto pericoloso pur avendo come fondamenta un atto d’ amore.

"Chi salva una vita salva il mondo " come dice il Talmud
… eliminando l’ articolo si potrebbe salvare la vita di un solo cane o di un gatto ( e di altri
animali assetati ) e , a nostro parere , ne vale la pena .

Stiamo percorrendo tutti uno scopo comune …noi siamo a disposizione . Grazie

Cordiali saluti

Team Canichepassione® Italia
Guaitoli Paola 347 5434783 ( a disposizione )

* abbiamo notato che il link inserito che rimanda alla petizione di Napoli non è attivo

Cordiali saluti,
Canichepassione Italia | canichepassione

ADOZIONE DEL CUORE, URGENTE: BENIAMINO, 8 ANNI

ADOZIONE DEL CUORE, URGENTE:

BENIAMINO, 8 ANNI, UN POINTER DA CACCIA ENTRATO IN CANILE DA ADULTO PERCHE’ ABBANDONATO SICURAMENTE DA UN CACCIATORE , VIVE IN UN BOX DI SOLO CEMENTO, STA IMPAZZENDO E GIRA IN TONDO NELLA GABBIA!

PESA 20 KG, UN POINTER CON LA BOCCA UN PO’ STORTA CHISSA’ PER QUALE MOTIVO FORSE PER UN CALCIO!

BENIAMINO E’ BUONISSIMO, SEMPRE OCCHI BASSI MA E’ UN COCCOLONE, BUONO COME IL PANE.

VIVE IN UN BOX DI CEMENTO UMIDO, BAGNATO CON ALTRI CANI.

LIBERIAMOLO NE HA DAVVERO BISOGNO STA RISCHIANDO UN ESAURIMENTO!!!.

MASSIMA DIFFUSIONE ! 1/12/2016- Campobasso-Molise – ADOTTABILE NORD E CENTRO ITALIA.

Beniamino ha circa 8 anni, un pointer bianco e nero con la bocca un po’ storta e pesa 20 kg.

Beniamino è stato accalappiato e sbattuto in canile, girovagava spaurito al freddo per le campagne, sicuramente abbandonato da un cacciatore che non voleva più mantenerlo forse perché ha perso il suo fiuto. E’ entrato in canile purtroppo suo malgrado, ma vista la sua bontà con tutti poteva correre dei grossi rischi, e ora vive in un box di solo cemento che mal sopporta.

Va anche al guinzaglio, è buono con maschi e femmine, ma da un bel po’ di tempo gira come impazzito nella sua gabbia, solo quando qualche volontario lo porta al guinzaglio a fare una passeggiata si calma e sembra meno teso!

Molte persone lo hanno visto, alcuni si sono proposti di adottarlo ma poi son tutti spariti nel nulla, illudendolo! E a lui necessita il contatto umano, per lui è di vitale importanza, è molto triste e rischia la depressione!!!

Beniamino vive in un box di circa 3 metri per 3 di cemento, dove vivono in tanti cani, anche lui sembra essere invisibile eppure è un pointer di razza!

Esce per pochi minuti al giorno nell’area di sgambamento, un altro rettangolo di cemento da cui accede dal box, solo 6-7 metri per 3 di lunghezza.

Ma Beniamino avrebbe bisogno di correre beato e felice su un prato.

Guardate lo spazio cementato dove è costretto a vivere, con doppie file di sbarre di ferro, quasi come il braccio della morte in America. Chiuso lì dentro questo povero cane gira su sé stesso, è disperato.

Beniamino è castrato e microcippato. Fortunatamente essendo così docile sa andare al guinzaglio, ed è così affettuoso e bravo che quando si accorge che i volontari entrano in gabbia con un guinzaglio sa riconoscerlo e ti si avvicina alle gambe e resta fermo fermo, in attesa di essere portato fuori e di passeggiare felice come una Pasqua! Anche se è per pochi minuti.

Ma quando rientra, riprende il suo girare in tondo senza sosta e il suo sguardo è disperato.

Beniamino va d’accordo con tutti i cani, si fa accarezzare dalle volontarie, sta lì fermo, non ha paura, resta vicino, è un cane di una dolcezza infinita.

Anche se di sicuro avrà preso botte e sarà stato maltrattato dal suo ex padrone, che lo ha buttato in aperta campagna, lui non ha perso la sua dolcezza, né la fiducia negli uomini.

E’ docile, col suo musetto buffo, tende a cercare attenzioni ma mai in modo eccessivo. E’ un cane che ha sofferto, e sta soffrendo molto questa prigionia forzata e terribile.

Si avvicina volentieri a noi e ci fa capire di apprezzare le coccole, non è fobico, è discreto, amabile. Ha occhietti scuri, un corpo magro magro e ha tanto tanto amore da donare ancora.

Da tanti anni aspetta fiducioso la sua occasione di essere adottato.

Quando le volontarie entrano nel suo reparto corre a salutare, si ferma e abbassa la testa perché aspetta un cenno, una carezza, qualsiasi gesto, un contatto; ed è felice se vede il guinzaglio, spera di uscire.

Il suo è un box umido e freddo, ora è scesa la neve qui, e lui è a pelo raso. Beniamino sta soffrendo il freddo ed il cibo è poco, lui è magrissimo.

Ha bisogno di mangiare pappe buone, di prendere peso, di vivere sull’asciutto. Magari in una cuccia calda.

Salviamo Beniamino, non lo lasciamo in canile ancora.

Sarebbe bellissimo avere una famiglia che lo porti con se al parco, che lo ami tanto e lo abbracci forte, lo accarezzi e lo faccia sentire al sicuro.

Beniamino è un cane dal cuore buono, anche se ora in canile rischia davvero di peggiorare psicologicamente, se non si trova una soluzione immediata.

Beniamino è un pointer puro, bellissimo.

E’ un cane che ti guarda triste, che non chiede nulla, che quando ti vede andar via comincia a girare su se stesso perché capisce che non tornerai di nuovo nella sua gabbia ma dovrà aspettare domani per rivederti…..aiutiamolo a rinascere.

Per info e adozione : Mariagrazia 3477041091

grazia166

Roberta.pe9

Risotto al pompelmo

logoSSNV-450.jpg

La ricetta della settimana

Cari lettori,

ecco la ricetta settimanale proposta da SSNV – Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana.
Nella stagione invernale sono nostri preziosi alleati gli agrumi che grazie alla loro ricchezza di vitamina C aiutano a contrastare raffreddori ed influenze. Generalmente si utilizzano per spremute, filtrate o con la polpa, a seconda dei gusti… ma sono versatili anche in cucina, per essere impiegati in primi o secondi piatti, sfumando il loro succo in aggiunta agli ingredienti principali. Oggi vi proponiamo il risotto con pompelmo, un primo piatto dal sapore originale e deciso.

ricetta_131.jpg

Risotto al pompelmo

Ingredienti per 4 persone

  • 320 g di riso
  • 2 piccole cipolle
  • un litro e un quarto di brodo vegetale
  • il succo di 2 pompelmi
  • olio
  • prezzemolo
  • lievito in scaglie
  • sale
  • pepe

Preparazione

Affettate al velo le cipolle e fatele rosolare in 3 cucchiai di olio. Unite il riso, fatelo tostare, bagnatelo con il succo dei popelmi e lasciatelo insaporire per qulche minuto; quindi cuocetelo aggiungendo il brodo bollente, poco alla volta. Dopo 18 minuti di cottura mantecate il risotto con altro olio e incorporatevi un grosso ciuffo di prezzemolo, lavato e tritato. Spegnete il fuoco, lasciate riposare il risotto per un paio di minuti, quindi regolate il sale, profumate con una manciata di pepe, unite 2 cucchiai di lievito in scaglie e decorate a piacere.

Ricetta tratta dal sito di SSNV.

E-book gratuiti di ricette vegan e altri aspetti della scelta vegan: LibriVegan.info

La Shoah raccontata nei teatri dell’Emilia-Romagna — E-R Cultura

(…)spettacolo “Le stelle di David”, che anticiperà di un giorno la Giornata della Memoria, andando in scena

giovedì 26 gennaio alle 21.00 al Teatro Comunale Ferdinando Bibiena di Sant’Agata Bolognese.

Liberamente ispirata al romanzo per ragazzi di Helga Schneider e accompagnata da musiche composte ed eseguite dal vivo da Marcello Batelli – sul palco, davanti ai leggii, troveremo Roberto Anglisani e Alessandro Rossi – la pièce scruta dall’interno il microcosmo di un quartiere borghese di Wilmersdorf, mentre l’avvento al potere di Hitler sta distruggendo gli equilibri affettivi di tre famiglie legate da rapporti di buon vicinato e di salda amicizia. Siamo nella Germania all’inizio degli anni Trenta, ovvero all’inizio della follia che di lì a poco avrebbe generato l’Olocausto. Da un giorno all’altro, la fede ebraica di una delle tre famiglie (particolare che fino ad allora non aveva mai giocato alcun ruolo nei loro rapporti) diventa una colpa, fa la differenza. Ed è così che due bambini, ebreo il primo ariano l’altro, prima inseparabili compagni di giochi, si trasformano in vittima e carnefice. Ed accade sotto gli occhi prima indifferenti e poi partecipi degli adulti “ariani”, che con tragica ipocrisia mettono a tacere la propria umanità.

http://cultura.regione.emilia-romagna.it/notizie/home/la-shoah-raccontata-nei-teatri-dell2019emilia-romagna

L’assessore Mezzetti incontra la scrittrice tedesca. Presto un film dal titolo ‘Let me go’, tratto dalla sua opera

http://www.regione.emilia-romagna.it/notizie/2016/luglio/la-forza-della-memoria-il-racconto-dellolocausto-helga-schneider

LET ME GO

Dalla letteratura al cinema. La vita e la Memoria di Helga Schneider diventano film

http://www.radioemiliaromagna.it/programmi/cinema/oggetto-4.aspx

Crostini alle mandorle

logoSSNV-450.jpg

La ricetta della settimana

Cari lettori,

ecco la ricetta settimanale proposta da SSNV – Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana.
Questa settimana vi invitiamo a provare un antipasto semplice ma molto gustoso, realizzato principalmente con mandorle, prezzemolo e capperi. La frutta secca è un alimento che non deve mai mancare nella nostra alimentazione e può essere consumata comodamente come spuntino; a volte, per mangiarla in modo più sfizioso, si può aggiungerla ai piatti e di solito il risultato è piacevole ed originale.

ricetta_130.jpg

Crostini alle mandorle

Ingredienti

  • 100 g di mandorle tostate
  • prezzemolo tritato finemente in abbondanza
  • 2 cucchiai di capperi sottosale
  • 1/2 spicchio di aglio
  • 10/12 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • un pizzico di peperoncino macinato
  • pan carre’ o pane in cassetta

Preparazione

Polverizzate le mandorle, mettetele in una scodella e aggiungete il prezzemolo, l’aglio, e i capperi tritati. Condite con il peperoncino e l’olio. Mischiate bene. Spalmate la crema ottenuta sulle fette di pane tostato e decorate ogni tartina con una mandorla intera.

Ricetta tratta dal sito di SSNV.

E-book gratuiti di ricette vegan e altri aspetti della scelta vegan: LibriVegan.info

Crauti

logoSSNV-450.jpg

La ricetta della settimana

Cari lettori,

ecco la ricetta settimanale proposta da SSNV – Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana.
Questa settimana vi proponiamo una delle più classiche ricette della cucina tedesca, molto diffusa anche in alcune zone del nord Italia: i crauti. E’ da sempre una ricetta 100% vegetale! Per realizzarla sono fondamentali il cavolo cappuccio, l’aceto e il vino bianco; come ingredienti aggiuntivi troviamo cipolla e vari aromi. Essendo una ricetta invernale sono perfetti accompagnati da patate arrosto o da un secondo vegetale (come seitan o tofu) caldo.

Questa ricetta, come tutte le altre di questa rubrica, è selezionata dal libro elettronico gratuito: "Nella cucina di VeganHome", disponibile in tre formati scaricabili gratuitamente per pc e lettore e-book. Lo potete trovare qui:
http://www.veganhome.it/ricette/libro-ricette-vegan/

ricetta_129.jpg

Crauti

Difficoltà: Facile
Tempo: 30 minuti

Ingredienti per 2 persone

  • mezzo cavolo cappuccio bianco
  • olio
  • mezza cipolla
  • timo
  • alloro
  • cumino
  • bacche di ginepro
  • 175 ml di aceto
  • 175 ml di vino bianco
  • brodo vegetale

Preparazione

Lavare il cavolo e tagliarlo a striscioline finissime. Far soffriggere la cipolla a fettine finché non diventa trasparente, aggiungere il cavolo e far evaporare più acqua possibile: il volume deve ridursi di circa la metà. Quando è quasi asciutto, sfumare con il vino e lasciar evaporare, unire le erbe aromatiche e far insaporire un po’, dopodiché sfumare con l’aceto senza farlo evaporare del tutto. Aggiungere quindi il brodo vegetale sufficiente a coprire i crauti. Proseguire la cottura per almeno un’ora e mezza, aggiungendo altro brodo o acqua calda in caso si asciugassero troppo.

Note

Normalmente per fare i crauti viene usato il cavolo cappuccio già tagliato e conservato in salamoia, ma il contenuto di sale è molto elevato; questa variante è adatta a chi preferisce, o deve, seguire una dieta iposodica.
Il nome "crauti" deriva dal tedesco "Kräuten" che significa "erbe".

Ricetta di Myeu tratta da VeganHome.

E-book gratuiti di ricette vegan e altri aspetti della scelta vegan: LibriVegan.info